Gli incontri di ottobre 2016

Quando un libro gigante, un autore immenso, dei posti favolosi e delle persone splendide si incontrano, succede che Lasciate stare Oscar Wilde diventa la cosa più bella del mondo.

“Soffocare” è un libro che non ha diviso, ma ha unito, nonostante tutti gli shock che ha comportato.

Un miliardo di temi, uno dietro l’altro, in un turbinio letterario fatto di ripetizioni e ossessioni verbali. Logorrea non è la parola giusta, ma è la prima che viene in mente [semicit]. 

La famiglia, la crisi dell’occidente, le dipendenze, i vuoti, i bisogni inarrestabili, la società americana, l’accettazione del diverso… tutto questo e molto altro, affrontato con una scrittura tagliente e sincopata che però richiama Platone e persino il Vangelo che anzi, sembra quasi riscritto in questa chiave, non solo moderna, ma anche grottesca. Il nuovo Gesù è un finto cattivo, un redentore di tutti i mali che nega il suo essere buono. La nuova Chiesa è una cattedrale del nulla, fatta di sassi raccolti grazie a sindromi ossessivo-compulsive, senza scopo, senza perché, senza motivo. “I figli sono l’oppio dei popoli”.

Tra stupri fintamente spigliati, attentati cosmetici, diagnosi sempre mortali, empietà e altre amenità del genere (non gradite dalla sensibilità di tutti i lettori), il libro risulta uno dei più esilaranti e agghiaccianti specchi di una parte di  società in cui viviamo. Noi  vi consigliamo caldamente di leggerlo.

E comunque… BARBONCINO.

Ci vediamo a novembre.

Annunci

Commenta senza citare Oscar Wilde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...