Scegliete il libro di Febbraio 2019

Cari Booklovers,

come ogni mese, vi chiamiamo a votare fra due libri il cui tema è la dimenticanza.  Cosa si intende per “dimenticanza”? Per esempio, inteso come fortuita a volontaria mancanza di memoria, in quanto è causa che si ometta o si trascuri qualcosa.

L’incontro in cui si parlerà del libro vincitore del sondaggio si terrà lunedì 25 Febbraio in luogo ancora da decidere.

Come sempre, il sondaggio lo trovate in fondo all’articolo… VOTATE BENE!

Nulla, Solo la notte di John Williams – edito da Fazi 

Nei due anni e mezzo di guerra che John Williams trascorse tra India e Birmania, tra il 1942 e il 1945, scrisse il suo primo romanzo, Nothing but the night. A soli vent’anni il giovanissimo scrittore raccontò la giornata di un giovane borghese della California, scrivendo forsennatamente nelle lunghe ore vuote che caratterizzavano la vita di certe zone periferiche al conflitto mondiale. Al suo rientro negli Stati Uniti Williams riuscì, un anno prima di laurearsi, a far stampare il suo primo romanzo.
Vicino al mondo descritto da John Fante (anche lui di Denver) con un tono trasognato e a volte ironico, Arthur Maxley ci ricorda l’Arturo Bandini che vaga per le strade di Los Angeles incontrando i personaggi più disparati. Qui Arthur è un dandy che seguiamo in una giornata scandita da incontri significativi (un amico con il sogno di acquistare una macchina tipogrfica e stampare poesie, il padre distante e una donna bella, ma disperata) Rappresentati all’interno di un diner, di un hotel di lusso o di un night, gli interlocutori di Arthur sono dei compagni di viaggio con forti personalità, ognuno di loro una musa ispiratrice per cercare di comprendere la solitudine umana.

 

Tunnel di Abraham Yehoshua edito da Einaudi

Come può un uomo come Zvi Luria, che è sempre stato affidabile e solido, un punto di riferimento per famiglia e amici, un ingegnere che costruiva strade e tunnel, scendere a patti con il proprio inevitabile declino mentale? Come possono farlo sua moglie e i suoi figli? Come ci si comporta di fronte alla razionalità che lentamente svanisce? E come si affronta la paura? Yehoshua costruisce intorno a queste domande una toccante meditazione sull’identità e sull’amore, sui gesti che è necessario compiere prima di congedarsi. Una vicenda intima e privata che s’intreccia a doppio filo con quella collettiva e politica del popolo palestinese e di quello israeliano, vicinissimi eppure cosí distanti dal trovare un modo per esistere insieme.

Annunci

Il libro per iniziare il 2019

Booklovers del cuore,

Siamo qui per annunciarvi il libro che allieterà le vostre vacanze natalizie. Il sondaggio, infatti, è stato vinto da Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer.

L’incontro si terrà martedì 22 Gennaio alle ore 19.00 in luogo ancora da decidere.

Continuate a seguirci qui o su Facebook, su Instagram o su Marte. L’importante è che continuiate ad esserci.

Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer

Il sondaggio per il libro di gennaio 2019

Booklovers del cuore,

come ogni mese, vi chiamiamo a decidere delle sorti dell’incontro del mese successivo, facendovi votare fra due libri il cui tema è dedicato alla rinascita e ai nuovi inizi. Per l’occasione abbiamo scelto due letture importanti e che ci permetteranno di parlare molto.

L’incontro si terrà martedì 22 Gennaio dalle 19.00 in luogo ancora da definire e che vi verrà comunicato sulla nostra pagina Facebook.

Come sempre, il sondaggio lo trovate in fondo all’articolo.

La diva Julia di W. Somerset Maugham edito da Adelphi

Guidata da pochi principi, quasi tutti appresi alla scuola di recitazione, Julia Lambert (“la più grande attrice d’Inghilterra”) sa decisamente irretire il suo pubblico. Ma Julia sembra sempre sul punto di cadere: in un matrimonio mediocre, in un amore con un ragazzo che ha vent’anni meno di lei, nei trabocchetti tesi dai debuttanti che vorrebbero rubarle la scena. E ogni volta il lettore, spettatore dal loggione, vorrebbe metterla in guardia. Ma Julia riesce a scegliere benissimo da sé il tono, il gesto, l’inquadratura.

Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer

Con una vecchia fotografia in mano, un giovane studente, che si chiama Jonathan Safran Foer, visita l’Ucraina per trovare Augustine, la donna che può aver salvato suo nonno dai nazisti. Jonathan è accompagnato nella sua ricerca da un coetaneo ucraino, Alexander Perchov, detto Alex. Alex lavora per l’agenzia di viaggi di famiglia, insieme a suo nonno che, a dispetto di una cecità psicosomatica fa l’autista, e in compagnia di una cagnetta maleodorante, chiamata Sammy Davis Jr Jr, in onore del cantante preferito dal nonno.

Xmas Swap Book 2018

Booklovers adorati,

si avvicina il Natale e come da tradizione del nostro gruppo di lettura, proponiamo per gli incontri di Dicembre a tema natalizio il classico XMas Swap Book Party, ovvero vi invitiamo (se vi va) di portare con voi un libro incartato ed anonimo: uno che avete amato, uno che avete odiato, uno che avete doppio, uno che volete riciclare, insomma, uno.

Durante gli incontri, infatti, ce li scambieremo, barattando letteratura e amore per i libri.

Vi aspettiamo per parlare di “Colazione da Tiffany” e per scambiarci gli auguri di Natale. Quindi venite letti oppure NO. Ma venite!

Christmas Swap Book Party

Il libro di Dicembre 2018

Booklovers del cuore,

Per chi si fosse perso l’ultimo incontro, è bene svelare quale libro ha vinto al ballottaggio

Leggeremo Colazione da Tiffany di Truman Capote e l’incontro si terrà lunedì  17 Dicembre  in luogo ancora da definire.

Correte in libreria, biblioteca o eshop e contribuiamo ad elevare la percentuale di libri letti a livello nazionale 🙂

Ricordate che a fine incontro si terrà il classico Christmas Swap Book, in cui ci scambieremo i libri che ognuno di noi avrà deciso di donare. Potranno essere libri usati, nuovi, detestati, amati o reciclati! Facciamo girare questa cultura!

Colazione da Tiffany