Scegli il libro di maggio

Il mese di maggio ci accoglierà con una novità, ovvero un incontro domenicale che sostituisce quello del martedì. Ci vedremo quindi per un brunch domenicale il 7 maggio e per il nostro classico incontro l’8 maggio.

Il libro? Beh, tocca a voi sceglierlo! VOTATE.

(sondaggio in fondo all’articolo)

Pastorale Americana – Philip Roth

Seymour Levov è alto, biondo e atletico. Malgrado sia di origine ebraica al liceo lo chiamano “lo Svedese”. Negli anni ’50 sposa miss New Jersey, avviandosi ad una vita di lavoro nella fabbrica del padre. Nella sua splendida villa cresce Merry, la figlia cagionevole e balbuziente. Finché arriva il giorno in cui le contraddizioni del paese raggiungono la soglia del suo rifugio, devastandola. La guerra del Vietnam è al culmine. Merry sta terminando la scuola e ha l’obiettivo di “portare la guerra in casa”. Letteralmente.

 

Norwegian Wood – Haruki Murakami

Uno dei più clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro più intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine. Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull’adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli “altri” per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi. Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un’istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere. O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

 

 

 

 

Annunci

L’ultimo libro di questo anno assieme

Giugno sarà il mese del nostro ultimo incontro prima della cena letteraria durante la quale, per chi ancora non lo sapesse, parleremo de “Il processo” di Kafka.

Ma pensiamo prima al libro del mese di giugno; come sempre sarete voi a sceglierlo e, mi raccomando, sceglietelo bene!

Scomparso – Luiz Claudio Cardoso

Durante il regime militare in Brasile il padre del narratore, Tulinho, viene arrestato insieme alla moglie e alla figlia maggiore con l’accusa di complotto contro lo stato. In realtà egli ha solo aiutato a sopravvivere alcuni intellettuali dissidenti. A casa rimangono Tulinho, che ha solo sette anni, la secondogenita Dorado, di quindici e la fedele domestica Petrona.

 

Mi chiamo Lucy Burton – Elizabeth Strout

Da tre settimane costretta in ospedale per le complicazioni post-operatorie di una banale appendicite, proprio quando il senso di solitudine e isolamento si fanno insostenibili, una donna vede comparire al suo capezzale il viso tanto noto quanto inaspettato della madre, che non incontra da anni. Per arrivare da lei è partita dalla minuscola cittadina rurale di Amgash, nell’Illinois, e con il primo aereo della sua vita ha attraversato le mille miglia che la separano da New York. Alla donna basta sentire quel vezzeggiativo antico, “ciao, Bestiolina”, perché ogni tensione le si sciolga in petto. Non vuole altro che continuare ad ascoltare quella voce, timida ma inderogabile, e chiede alla madre di raccontare, una storia, qualunque storia. E lei, impettita sulla sedia rigida, senza mai dormire né allontanarsi, per cinque giorni racconta: della spocchiosa Kathie Nicely e della sfortunata cugina Harriet, della bella Mississippi Mary, povera come un sorcio in sagrestia. Un flusso di parole che placa e incanta, come una fiaba per bambini, come un pettegolezzo fra amiche. La donna è adulta ormai, ha un marito e due figlie sue. Ma fra quelle lenzuola, accudita da un medico dolente e gentile, accarezzata dalla voce della madre, può tornare a osservare il suo passato dalla prospettiva protetta di un letto d’ospedale. Lì la parola rassicura perché avvolge e nasconde. Ma è nel silenzio, nel fiume gelido del non detto, che scorre l’altra storia.

 

 

 

Scegli il libro di ottobre e sceglilo bene!

Bentornati amati booklovers! Speriamo che il vostro rientro dalle vacanze sia stato sereno e che sia stato accompagnato da buoni libri. Noi speriamo di vedere alcuni di voi già al primo incontro di settembre, ma intanto vi proponiamo i libri per il mese di ottobre (date e luoghi vi saranno svelati al più presto).

Come sempre sarete voi a scegliere, quindi fatelo bene!

Ottobre sarà un mese pieno di sorprese, quindi continuate a seguirci perché vi stupiremo!

(sondaggio in fondo all’articolo)
Soffocare – Chuck Palahniuk

Victor Mancini, studente di medicina fallito, ha architettato un fantasioso sistema per pagare le spese ospedaliere della vecchia madre: ogni giorno sceglie un ristorante diverso, ci va a cena con un amico e, nel bel mezzo della serata, finge di rischiare il soffocamento per colpa di un boccone andato di traverso. Immancabilmente qualcuno si lancia a salvarlo, e immancabilmente questo qualcuno esce “trasformato” dall’esperienza e diventa una sorta di padre adottivo del protagonista. Al punto che in occasione dell’anniversario dell’incidente gli invia dei soldi. Dopo anni di questa attivita Victor si trova a ricevere quasi ogni giorno un gruzzolo da persone di cui ormai non ricorda nulla ma che gli sono grate per aver dato un senso alle loro vite.

 

Il buio oltre la siepe – Lee Harper

In una cittadina del “profondo” Sud degli Stati Uniti l’onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d’ufficio di un “negro” accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrarne l’innocenza, ma l’uomo sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l’episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell’infanzia che è un po’ di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte.

 

 

 

 

Compiti per le vacanze

Allora, prendete tutti il diario, lo aprire al mese di settembre e vi segnate queste date qui: lunedì 28 e martedì 29. Scrivete in cima al foglio “COMPITI PER LE VACANZE DI LASCIATE STARE OSCAR WILDE”.

Ora sapete le date dei nostri incontri di rientro. Quanto ai compiti, per la prima volta nella vostra vita, potete scegliere voi quali saranno. Quindi, manco a dirlo, VOTATE IL LIBRO PER GLI INCONTRI DI SETTEMBREEEEEEEEE. (sondaggio alla fine dell’articolo)

Fiori artificiali – Luiz Ruffato

Dopo un capodanno desolante e una vita trascorsa in giro per il mondo a cancellare le proprie orme, nel vano tentativo di dimenticare di non avere un luogo al quale fare ritorno, Dório Finetto decide di scrivere la propria autobiografia, ma ben presto si rende conto che la sua vita non è stata altro che un attento esercizio d’ascolto. Per scrivere il proprio passato non può, quindi, che raccontare le vite degli altri, richiamando alla memoria i tanti e spesso casuali e fugaci incontri che nel corso degli anni si sono susseguiti. Da Beirut a Buenos Aires, passando per Nordestedt, Montevideo e Dili, Dório Finetto ripercorre, così, la propria esistenza, guardandola riflessa nelle vite, sospese come ponti sull’abisso, di quanti ha saputo ascoltare.

 

Vedi adesso allora – Jamaica Kincaid

Nel romanzo che segna il suo ritorno dopo dieci anni di silenzio, Jamaica Kincaid, ormai lontana dai Caraibi, ci racconta la storia di un matrimonio, un matrimonio finito. Il suo, forse: l’epoca, la casa (nel Vermont), il marito (musicista), i figli (un maschio e una femmina), la professione della signora Sweet (scrittrice) corrispondono in tutto e per tutto alla vita reale dell’autrice. Come sempre, tuttavia, la sua corrosiva, inconfondibile prosa è più estranea all’autobiografismo di quanto non appaia a prima vista: la stessa Kincaid ha del resto dichiarato che “il protagonista di questo romanzo è il Tempo”. E si potrebbe aggiungere che un’aura mitologica e visionaria irradia da una narrazione che è come un’invettiva infuocata – e a tratti esilarante -, dove non a caso i figli della signora Sweet si chiamano Eracle e Persefone. Ma poiché la casa è “un carcere con la secondina dentro”, la moglie “quella brutta strega arrivata con la nave delle banane” e il marito “così piccolo che a volte la gente… lo scambiava per un roditore”, ci renderemo conto, pagina dopo pagina, che la signora Sweet, proprio come la Xuela dell'”Autobiografia di mia madre”, è soprattutto un’abitante di quell’inferno interiore che Jamaica Kincaid sa raffigurare in maniera inimitabile

 

 

 

Momento “SCEGLIETE VOI” il libro di Maggio

Cari Booklovers adorati,

vorremmo venisse messo agli atti che siamo delle persone molto democratiche, infatti anche questa volta il libro che verrà letto a Maggio verrà scelto con il sondaggio che vi riportiamo qui sotto.

Le date dei prossimi incontri invece le abbiamo scelte noi: lunedì 25 e martedì 26 maggio così avrete tutto il tempo di leggere.

Mi raccomando SCEGLIETE BENE, altrimenti vi lamentate.

“L’esercito delle cose inutili” di Paola Mastrocola

l'esercito

“Insomma, quel mattino di novembre, mentre andavo a zonzo nel vuoto da non so quanto tempo, succede che io incontro questo tale. E vi posso dire che, accidenti, se prendevo a destra anziché a sinistra non lo avrei incontrato. Quindi? Quindi tutto questo deve pur significare qualcosa. Ho preso a sinistra ed è stato tutto quel che è stato, questa benedetta storia che adesso vi racconto”. È da qui che prende avvio il romanzo, per trascinarci presto in un altrove abitato da asini, libri, funamboli, macinini da caffè, poeti, scollatori di francobolli e altre mirabolanti creature. E poi c’è Guglielmo, un ragazzino che scrive delle lettere sgangherate e bellissime da cui emerge a poco a poco la sua storia. E c’è qualcuno, Raimond, che raccoglie quelle parole e le trasforma in un’azione. Perché ciò che è vecchio, desueto, ai margini, eccentrico, può essere mosso da un’energia misteriosa e seguire strade poco battute, dove l’utile e l’inutile sanno ribaltarsi l’uno nell’altro e diventare, forse, una sostanza nuova.

“Le mille luci di New York” di Jay Mclnerney 

le milleFolgorante libro d’esordio, scritto quando Jay Mclnerney aveva 29 anni, diventato in breve uno dei più acclamati best seller d’America. La storia è di quelle che non si dimenticano; la scrittura, concitata e imprevedibile, colpisce fin dalle prime battute. Il protagonista, che lavora presso una rivista chic di New York, al Reparto Verifica dei Fatti, è “andato oltre su una coda di cometa di polvere bianca”, nell’intento di saggiare i propri limiti, ma il mondo rutilante e fantasmagorico dei locali alla moda e dei personaggi di successo che frequenta durante le sue peregrinazioni notturne è incompatibile con la routine quotidiana. La “vita spericolata” non si concilia con un lavoro che inchioda alla scrivania dalla mattina alla sera. Il disastro è inevitabile. Il suo “capo”, una donna severa come una maestra elementare d’altri tempi, non è disposta ad accettare debolezze ed errori. Il nostro eroe, che ormai non può più fare a meno di uno stick di Vicks inalante per aprirsi un varco tra i mucchi di “neve” indurita che gli ostruiscono le narici, e di un paio di occhiali scuri per difendere gli occhi incapaci di affrontare la luce del giorno, viene licenziato, senza preavviso. Ma anche la vita privata non va meglio: la moglie, una ex ragazza di provincia, diventata poi una modella di successo, lo scarica da un giorno all’altro senza troppe spiegazioni, una vera e propria “Pearl Harbour matrimoniale”. Ma questo comportamento ha ragioni profonde, le cui radici si trovano nell’infanzia e in complicati rapporti familiari. Quando l’autore affronta questa parte della storia dà il meglio di se stesso, scavando anche nella propria biografia, e la scrittura diventa commovente ma asciutta, priva di sbavature sentimentali.

.

.