Cosa leggeremo a Febbraio 2018?

In questi quattro anni di votazioni e ballottaggi, molti capolavori sono rimasti non letti. Per questa ragione, abbiamo pensato di rispolverarli. Per il mese di Febbraio vi chiediamo di scegliere un libro ripescato fra quelli scartati in passato.

Sulla nostra pagina Facebook abbiamo creato un album dal titolo “L’albero di Natale dei libri non scelti”: quello che dovrete fare sarà mettere “like” al libro che vi piace di più così da farlo vincere per l’incontro del prossimo febbraio.

Per accedere alla votazione cliccate QUI

La data dell’incontro è prevista per lunedì 26 Febbraio dalle ore 19.00 in luogo ancora da destinarsi.

Come sempre vi aspettiamo, LETTI, oppure no!

Annunci

Il libro di Dicembre e il Book Swap di Natale

Cari Booklovers,

A seguito del sondaggio per scegliere il libro di Dicembre, avete scelto il libro di Isabel Allende “Oltre l’inverno”. L’incontro si svolgerà martedì 12 Dicembre in luogo ancora da destinarsi.

Ma ovviamente non è tutto. Il mese di dicembre per noi significa anche che è tempo di Book Swap natalizio, una bella tradizione di #Lsow.

Come si svolge? Ognuno di noi porterà con se un libro che vuole regalare, bello impacchettato, in modo da non svelarne alcun particolare e che sia così una sorpresa per il capitato che lo riceverà. Un modo bello per scambiarci letteratura!

Continuate a seguirci, perché a breve avrete i dettagli sul luogo dell’incontro 🙂

Xmas Swap Book Party

Booklovers adorati,

si avvicina il Natale e come ormai da tradizione di #Lsow  proponiamo per gli incontri di Novembre a tema natalizio il classico XMas Swap Book Party, ovvero vi invitiamo (se vi va) di portare con voi un libro incartato ed anonimo: uno che avete amato, uno che avete odiato, uno che avete doppio, uno che volete riciclare, insomma, uno.

Durante gli incontri, infatti, ce li scambieremo, barattando letteratura e amore per i libri.

Vi aspettiamo per parlare di “Ricordo di Natale” di Truman Capote e per scambiarci gli auguri di Natale. Quindi venite letti oppure NO. Ma venite!

gift-1760899_960_720

 

Vi aspettiamo!

Il libro di Novembre: sei Grinch o Xmas Lovers ?

Adorati BookLovers,

ci troviamo già a dover scegliere il libro di cui parleremo a fine Novembre e che riguarderà, nel bene o nel male, il tema del Natale. La nostra democraticità questa volta è davvero sconfinata, infatti, non solo potrete scegliere fra i soliti due libri, ma vi diamo la possibilità di scegliere come affrontare il Natale: da Grinch o da Xmas Lovers.

Bando alle ciance, il sondaggio lo trovate come sempre, in fondo alla pagina e ci raccomandiamo di VOTARE BENE.

Per i Grinch:
“Villetta con piscina” di H. Koch

villetta_con_piscinaMarc Schlosser è un medico di famiglia. Riceve la mattina, dalle otto e mezza all’una. Venti minuti circa a paziente cosi spartiti: un minuto per capire quello che c’è da capire e gli altri diciannove per inscenare una parvenza di interesse. E i pazienti se ne vanno via soddisfatti, prendendo per una meticolosa e inusuale attenzione quella che non è altro che una messa in scena. Di recente, però, un increscioso incidente ha turbato la tranquilla esistenza d
i Marc. Dopo il funerale di Ralph Meier, la star televisiva dalla figura imponente e la voce stentorea, Judith, la moglie dell’attore, ha fatto irruzione nello studio di Schlosser scagliando a terra una sedia e strillando ripetutamente “Assassino!”. È passato un anno e mezzo da quando Ralph Meier si era materializzato in quella stessa sala d’aspetto. Aveva il suo solito atteggiamento, quella prorompente fisicità che si acquista soltanto con regolari abbuffate in ristoranti che abbiano ottenuto una o più stelle Michelin o con copiosi barbecue nel cortile di casa. Ma era malato, profondamente malato. Nel suo corpo, le cellule maligne si erano già rivoltate contro quelle sane. Marc ha capito subito che occorreva un intervento drastico, un first strike, un bombardamento a tappeto che avrebbe messo K.O. tutte le cellule maligne in un colpo solo. Eppure ha tranquillizzato l’attore, dicendogli che non c’era nulla di serio di cui preoccuparsi

 

Per i Xmas Lovers:

“Ricordo di Natale” di Truman Capote

ricordo-di-nataleBuddy e Sook, amici per la pelle, a dispetto di tutto e tutti. E sì, perché Buddy ha solo sette anni e Sook, beh, qualche decina di più — Buddy sa solo che è una sua lontana cugina, ma quello che conta è che è una mattacchiona, sempre pronta a scherzare e a costruire aquiloni — la loro comune passione. Buddy non ha nessun altro al mondo, Sook nemmeno — eccetto quel manipolo di parenti brontoloni che vivono nella loro stessa casa, e li trattano sempre male; forse proprio per via di quella loro irrituale complicità, e magari anche perché loro due sono Le pecore nere della famiglia, i parenti poveri. Quello che è certo è che Buddy e Sook si vogliono un gran bene e che ogni anno, quando si avvicina Natale, vanno insieme nel bosco a raccogliere le noci e a comprare un po’ di whisky da quell’indiano burbero e corpulento, per preparare tante torte. Una volta pronte, coi loro risparmi, le spediscono alle persone più disparate, che suscitano la loro ammirazione: il Presidente Roosevelt, per esempio. E il loro speciale rituale, per suggellare un’amicizia e celebrare la generosità. Poi vanno a scegliere nella foresta l’abete più bello che ci sia; ci attaccano su le decorazioni che ricavano dalla carta di vecchi regali e poi… la notte di Natale scartano il regalo che si sono scambiati: un aquilone, ancora più bello di quello dell’anno prima. Ma questo Natale lascerà in Buddy un ricordo speciale, poiché sarà l’ultimo che passeranno insieme e per mantenerlo vivo nella memoria, Buddy da grande ne racconterà la storia… Da par suo, visto che nel frattempo è diventato Truman Capote. “Ricordo di Natale” è stato infatti uno dei tre racconti pubblicati nel 1958 nel volume dal titolo “Colazione da Tiffany”: un romanzo breve e tre storie. Proprio quel volume avrebbe consacrato definitivamente Capote come indiscusso talento della letteratura americana contemporanea.